immagine articolo

Politica

Dissalatore a Ventotene, la Provincia autorizza Acqualatina: il progetto è sostenibile

di LatinaQuotidiano.it

11 luglio 2017

Acqualatina ha ottenuto l’autorizzazione allo scarico delle acque reflue per il dissalatore di Ventotene dalla Provincia di Latina.

“Sulla base degli studi realizzati in collaborazione con il dipartimento di Ingegneria idraulica marittima dell’Università La Sapienza di Roma, la Provincia rilascia l’autorizzazione per il dissalatore nell’area marina protetta di Ventotene, anche sulla scorta delle altre autorizzazioni ambientali rilasciate dalla Regione Lazio. Ulteriore conferma della sostenibilità ambientale dell’intervento”, così il gestore del servizio idrico.

Sul dissalatore è battaglia con il neo sindaco Gerardo Santomauro. Il Primo Cittadino, tra i suoi primi atti, ha emanato un’ordinanza con cui vietava l’installazione del dissalatore non appena erano sbarcati i camion di Acqualatina sull’isola per montare la struttura chiamata a risolvere definitivamente il problema della mancanza di acqua potabile. Acqualatina aveva presentato e vinto il ricorso al TAR, dunque poteva riprendere i lavori. A quel punto Gerardo Santomauro ha definitivamente sancito la guerra al gestore idrico chiudendo il punto acqua di Acqualatina presente negli uffici comunali. Ufficialmente i detrattori del dissalatore temono le conseguenze ambientali in particolare delle acque che poi saranno scaricate in mare. Per Acqualatina non ci sono rischi per l’ambiente e l’autorizzazione della Provincia dà ragione al gestore del servizio idrico.

logo icona latinaquotidiano

correlati

virgolette

Guarda
l'ultima puntata
di Radar

virgolette
logo icona latinaquotidiano

Opinione

logo icona latinaquotidiano

Correlati

logo latinaquotidiano

LatinaQuotidiano.it giornale di approfondimento economico politico associativo sulla provincia di Latina.

anso logouspi logo

LatinaQuotidiano.it è associato ANSO.

Editore: Net In Progress S.R.L

News più lette

© Copyright 2021 - LatinaQuotidiano. Tutti i diritti riservati. Testata registrata presso il Tribunale di Roma n.43/2016 del 9 marzo 2016