immagine articolo

Cronaca

Santi Cosma e Damiano, contro l’abbandono dei rifiuti arrivano le foto trappole mobili

di LatinaQuotidiano.it

10 febbraio 2020

di Daniela Pesoli – Tolleranza zero per chi abbandona rifiuti sul territorio compromettendo il decoro urbano e l’ambiente.

E per contrastare l’odioso fenomeno, a Santi Cosma e Damiano sono state installate le foto trappole che, nascoste, riprendono chi deposita i rifiuti irregolarmente.

“La decisione – spiegano dal comune di Santi Cosma e Damiano – è stata presa per combattere la piaga dell’abbandono indiscriminato di rifiuti che hanno ridotto in uno scempio alcuni luoghi del paese, soprattutto quelli più periferici, determinando un alto costo per la collettività sia in termini di inquinamento che di risorse economiche necessarie alla bonifica”.

Le foto-trappole sono state posizionate nei luoghi più sensibili a questo tipo di fenomeno e saranno spostate periodicamente, senza preavviso, sull’intero territorio comunale.

“Si fa appello a tutte le persone che hanno questa cattiva abitudine – aggiungono gli amministratori comunali – di porre rimedio a tale atteggiamento, ricordando che l’abbandono di rifiuti rappresenta un reato penale e, pertanto, nel momento in cui si è ripresi, scatta automaticamente la denuncia all’autorità giudiziaria con tutte le conseguenze che ne derivano”.

Il nuovo sistema di controllo sarà gestito dal personale della Polizia Locale e va ad integrarsi con le telecamere già presenti nei principali punti del paese e di altre che a breve saranno installate.

logo icona latinaquotidiano

correlati

virgolette

Guarda
l'ultima puntata
di Radar

virgolette
logo icona latinaquotidiano

Opinione

logo icona latinaquotidiano

Correlati

logo latinaquotidiano

LatinaQuotidiano.it giornale di approfondimento economico politico associativo sulla provincia di Latina.

anso logouspi logo

LatinaQuotidiano.it è associato ANSO.

Editore: Net In Progress S.R.L

News più lette

© Copyright 2021 - LatinaQuotidiano. Tutti i diritti riservati. Testata registrata presso il Tribunale di Roma n.43/2016 del 9 marzo 2016